barbie

New York, anni ’50: mentre era intenta ad osservare sua figlia Barbara che stava giocando con delle bambole di carta, Ruth Handler si rese conto che molto spesso alla piccola piaceva attribuire loro dei ruoli da adulti.

All’epoca la stragrande maggioranza delle bambole in commercio rappresentava invece neonati, perciò la Handler, intuendo con intelligenza che poteva trattarsi di una ottima scelta di mercato, suggerì l’idea di realizzare una linea di bambole dall’aspetto adulto a suo marito Elliot -colui che appena cinque anni prima, nel 1945, in coppia con Harold Matson aveva fondato la casa di giocattoli Mattel-, anche se almeno in un primo momento l’idea non parve entusiasmarlo molto.

Originariamente, infatti, la Mattel si occupava quasi esclusivamente della produzione di cornici per fotografie e solo marginalmente di accessori per case di bambole: quest’ultima attività tuttavia divenne ben presto più redditizia della prima, finché la produzione di giocattoli venne riconosciuta come indiscusso core-business della società.

Rielaborando l’aspetto di una bambola simile a quell’idea che aveva in mente e che veniva già commercializzata in Germania -la Bild Lilli-, la Handler, assistita dall’ingegnere Jack Ryan, creò quindi il primissimo modello di Barbie, a cui venne attribuito il nome della figlia dei due coniugi newyorchesi: Barbara, appunto.

Barbie fece la sua prima apparizione nei negozi di giocattoli americani il 9 marzo 1959, vestita di un costume zebrato e con i capelli raccolti in una lunga coda: fabbricata in Giappone per via dei più contenuti costi di produzione, solo nel suo primo anno di “vita” ne furono vendute oltre 350.000 esemplari.

Mentre Barbie si rivelava uno dei giocattoli più venduti al mondo ed Elliot Handler si era ormai dovuto ampiamente ricredere sulla bontà dell’idea avuta dalla moglie, Mattel ne accresceva il mito attraverso un’intelligente operazione di marketing, ovvero inventando una vera e propria biografia su misura per lei.

Alla bambola venne addirittura assegnato un nome completo -Barbara Millicent Roberts-, oltre ad una famiglia e a degli amici, che avrebbero costituito un nuovo sistema di personaggi accessori da poter vendere a ragazzine e collezionisti.

Barbie è stato anche il primo giocattolo a poter contare su di una strategia di mercato basata su un uso davvero massiccio della pubblicità televisiva, tecnica che è stata successivamente ripresa da tutti i giocattoli a venire.

E’ stato stimato che ad oggi sia stato messo in vendita più di un miliardo di Barbie in oltre centocinquanta nazioni, mentre Mattel ha dichiarato che le vendite tengono l’incredibile ritmo di tre esemplari al secondo.

barbieClizia Cacciamani

Data

09/09/2021

Categoria

Dall'idea all'invenzione
coca-cola
30/09/2021 Clizia Cacciamani

Coca-cola

Era il lontano 1886, apice dell’età dell’oro negli Stati Uniti, con la guerra civile appena conclusa e la nazione che si prepa- rava per l’era moderna ormai alle porte, quando ad Atlanta il farmacistaLeggi tutto

citroen
28/09/2021 Clizia Cacciamani

Citroën

André-Gustave Citroen era il quinto ed ultimo figlio di una famiglia di commercianti di diamanti olandesi: la famiglia Citroen si era trasferita a Parigi da Amsterdam nel 1873 dove suo padre LevieLeggi tutto

cinema
23/09/2021 Clizia Cacciamani

Cinema

Il primo a sviluppare un dispositivo in grado di catturare e ripristinare il movimento fu William Kennedy Laurie Dickson, un dipendente di Thomas Alva Edison. La sua unità, il kinetoscopioLeggi tutto

chewing-gum
21/09/2021 Clizia Cacciamani

Chewing-gum

Molti anni fa gli archeologi hanno fatto una scoperta sorprendente: sembra che gli uomini e le donne preistorici masticassero palline di resina degli alberi per puro divertimento, cosa che li rende iLeggi tutto