adidas puma

Era il 1920 quando Adolf “Adi” Dassler, appassionato di sport che passava ore a disegnare scarpe nel suo laboratorio, e suo fratello Rudolf, esperto venditore, aprirono una piccola bottega artigianale di scarpe nella città di Herzogenaurach, in Baviera: il laboratorio aveva anche un negozio per la vendita di scarpe sportive manufatte. Quando Adi realizzò le sue prime scarpe, all’età di appena vent’anni, aveva in mente una sola cosa: mettere a disposizione di ogni atleta le migliori scarpe possibili per la propria disciplina sportiva.

Fu questo il principio che lo guidò fino alla morte, nel 1978: oltre 700 brevetti ed altri diritti di proprietà industriale in tutto il mondo sono la prova inconfutabile dell’incessante ricerca della perfezione che ispirò Adi.

La prima scarpa realizzata dai due fratelli, con i pochi materiali disponibili nel difficile periodo del dopoguerra, era di tela: Adi si concentrò sulle discipline classiche dell’atletica leggera e nel 1928 le prime scarpe speciali uscite dal suo laboratorio furono calzate in occasione dei giochi olimpici di Amsterdam, mentre verso la metà degli anni ’20 aveva già cominciato a sperimentare  l’uso dei chiodi nelle scarpe da atletica.

Adi era conosciuto, e persino temuto, dagli operai della sua fabbrica per la sua naturale abilità di riuscire ad individuare una singola scarpa difettosa in una linea di produzione completa, quasi ad occhi chiusi: se i suoi operai dimenticavano di rimuovere le cuciture dalle suole, se i chiodi di montaggio non erano perfettamente rivettati o, ancora, se la fodera del tallone si ripiegava, Adi spesso reagiva adottando metodi “educativi” decisamente poco ortodossi.

Non era infatti insolito che chiedesse con delicatezza al responsabile del difetto di indossare le scarpe e camminargli davanti: un’esperienza dolorosa che convinceva al volo operai e responsabili di quanto fosse importante prestare la massima attenzione nel lavoro.

In meno di vent’anni i due fratelli diventarono il primo produttore di scarpe sportive al mondo: tuttavia, quando l’attività si stabilizzò, i due iniziarono a maturare una reciproca frustrazione, trovandosi in disaccordo su tutto, dalla politica al futuro dell’azienda.

Dopo anni di litigi, alla metà degli anni ’40 Rudolf abbandonò l’azienda e ne aprì un’altra sulla sponda opposta del fiume: inizialmente i marchi originali vennero creati dalla contrazione delle prime sillabe dei rispettivi nomi -AD(olf)DAS(sler) e RU(dolf) DA(ssler)-, ottenendo Addas e Ruda.

Di lì a breve, però, dal momento che esisteva già un produttore di calzature per bambini di nome Addas, Adi aggiunse una “i” alla denominazione, mentre, nel caso di Rudolf, il suo consulente commerciale gli suggerì che Ruda non era un nome così accattivante, quindi decise di cambiarlo.

Il laboratorio rimasto al fratello prese così il nome di Adidas, mentre nel 1948 nacque Puma.

Clizia Cacciamani

Data

31/08/2021

Categoria

invenzione
Foto ultime news
0000-00-00

Approvato il Disegno di Legge sul “Made in Italy”. Queste le novitàLeggi tutto

Il 27 dicembre è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il cosiddetto “DDL Made in Italy”, volto alla valorizzazione,Leggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

Registrare un pattern come marchio: la storia del fallimento di Prada

La nota casa di moda Prada S.A. aveva presentato nell’aprile del 2022 una richiesta di registrazione di marchio (domanda EU 18 683 223) pressoLeggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

New York City Ballet Inc. contro l’Ufficio dell'Unione Europea per laLeggi tutto

Il New York City Ballet (NYCB) non è solo un nome, ma un pilastro di eccellenza nell'arte della danza con radici storiche sin dal 1948 ed èLeggi tutto