blockchain e proprieta industriale un futuro concreto

La blockchain, tradotto letteralmente come "catena di blocchi", rappresenta una delle innovazioni tecnologiche più significative degli ultimi anni. Nata come spina dorsale del Bitcoin, la sua portata si è ora estesa ben oltre la sfera finanziaria, offrendo le sue potenzialità anche al mondo della proprietà industriale. Questo capitolo mira a chiarire come la blockchain potrebbe innovare e aiutare a proteggere i diritti di proprietà industriale.
 

Definizione di Blockchain:

La blockchain è un registro digitale distribuito, composto da una serie di blocchi di dati concatenati in ordine cronologico. Ogni blocco contiene un insieme di transazioni ed è protetto da algoritmi crittografici. Una delle sue caratteristiche distintive è l'immutabilità: una volta che un blocco viene aggiunto alla catena, l'informazione in esso contenuta non può più essere modificata senza la revisione di tutti i blocchi successivi. Ciò rende la blockchain particolarmente sicura e resistente alle frodi.
 

Usi della Blockchain:

La versatilità della blockchain si riflette nei molteplici settori d’applicazione, tra cui:

  • Tracciabilità delle supply chain:
    grazie alla blockchain, le aziende possono monitorare ogni singolo step della catena di produzione, garantendo al consumatore finale la genuinità e la qualità del prodotto. Questo è particolarmente utile in settori come l'agroalimentare o la moda, dove la provenienza e l'autenticità sono cruciali.
     
  • Identità digitale:
    la blockchain può offrire un sistema di identificazione decentralizzato, dove ogni individuo ha il controllo totale sulla propria identità e su chi può accedervi.
     
  • Contratti intelligenti (Smart Contracts):
    si tratta di protocolli informatici che facilitano, verificano, o eseguono la negoziazione di un contratto, rendendo le transazioni affidabili senza l'ausilio di intermediari.
     

Blockchain e Proprietà Industriale:

Nell'era digitale in cui viviamo, la gestione e protezione della proprietà industriale sono diventate sfide sempre più complesse. Dal primo schizzo di un inventore alla registrazione di un brevetto, l'evoluzione tecnologica ha trasformato le modalità con cui interagiamo con le opere intellettuali. Tra le molteplici innovazioni, la blockchain emerge come una potente alleata, capace di offrire soluzioni inedite e avanzate nel campo della proprietà industriale. La connessione tra tecnologia blockchain e il mondo della proprietà industriale può apportare benefici tangibili, ma anche presentare nuove difficoltà.

In particolare, la blockchain potrebbe essere utilizzata per:

  1. Prova di esistenza:
    registrare un'opera o una creazione sulla blockchain garantisce una prova di esistenza certa e temporizzata. In termini legali, ciò può essere determinante per stabilire la paternità di un'idea o di un prodotto, offrendo una robusta difesa in caso di dispute sulla proprietà intellettuale.
     
  2. Smart Contracts in Proprietà Industriale:
    grazie ai contratti intelligenti, si potrebbero automatizzare numerosi processi legati ai diritti di proprietà intellettuale. Ad esempio, un artista potrebbe decidere di vendere le sue opere e ricevere automaticamente le royalties ogni volta che le opere vengono utilizzate, senza passare attraverso costose e complesse agenzie di gestione.
    Questo processo automatizzato può avvenire anche, per esempio, con brano musicale in un video: lo smart contract può automaticamente detrarre una commissione e trasferirla all'autore.
     
  3. Tracciabilità completa:
    ogni transazione viene registrata in modo permanente sulla blockchain. Questo permette di ricostruire l'intera storia di un bene intellettuale, ad esempio di un marchio, semplificando notevolmente la due diligence.


Pro e Contro della Blockchain in Proprietà Industriale:

Pro:

  1. Trasparenza: tutte le transazioni sono visibili e verificabili da ogni partecipante.
  2. Sicurezza: la natura crittografica rende difficile, se non impossibile, alterare i dati.
  3. Riduzione dei costi: elimina intermediari, rendendo le transazioni più efficienti.
  4. Automazione: gli smart contracts possono automatizzare molti processi, dal pagamento delle royalty alla gestione delle licenze.

Contro:

  1. Complessità tecnica: non tutti hanno familiarità o accesso alla tecnologia blockchain.
  2. Dimensioni: ogni transazione aumenta la dimensione della blockchain, rendendo potenzialmente il sistema più lento nel tempo.
  3. Ambiguità legale: mancanza di chiarezza nella legislazione può portare a contestazioni legali.
  4. Consumo energetico: le blockchain più grandi, come quella di Bitcoin, richiedono una notevole quantità di energia.
     

La Legge Italiana ed Europea

Mentre la blockchain sta rapidamente guadagnando terreno come strumento innovativo, la legislazione fatica a tenere il passo. L'Unione Europea ha iniziato a riconoscere l'importanza di questa tecnologia e sta lavorando per creare un quadro normativo adatto.

In Italia, nonostante manchi una legislazione specifica, vi è un crescente interesse: dibattiti parlamentari, proposte di legge e tavoli di discussione stanno cercando di definire i contorni legali in cui inserire questa tecnologia. In particolare, per quanto riguarda la proprietà intellettuale, vi è l'opportunità di creare un sistema più snello e diretto, riducendo burocrazia e costi.

Nonostante le incertezze legali, la blockchain ha il potenziale di modernizzare profondamente il sistema di gestione della proprietà intellettuale, rendendolo più efficiente, accessibile e trasparente. Grandi player stanno già investendo in questo settore. È probabile che nel giro di pochi anni blockchain e smart contract sostituiranno buona parte dei registri e database tradizionali, semplificando la vita di inventori, artisti, aziende e consumatori.
 

Conclusione:

La blockchain ha il potenziale di rivoluzionare il campo della proprietà industriale, riducendo i costi, aumentando la trasparenza e offrendo nuovi strumenti per la protezione dei diritti. Tuttavia, è fondamentale che la regolamentazione avvenga in maniera ponderata e informata, al fine di massimizzare i benefici e minimizzare i rischi.

 

N.B.: questo articolo è aggiornato alla data di pubblicazione e non riflette necessariamente lo stato attuale della legge o della normativa in materia.

Data

0000-00-00

Categoria

notizia
Foto ultime news
0000-00-00

EPO Patent Index 2023: record di domande di brevetto dall’Italia

L'Italia raggiunge un traguardo storico nel campo dell'innovazione tecnologica, stabilendo un nuovo primato di domande di brevetto depositate nel 2023Leggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

Dalla idea all'invenzione: la nascita della “penna a sfera”

Prima dell’Ottocento si scriveva ancora con cannucce di legno munite di pennini di acciaio che, essendo fabbricati a mano, risultavanoLeggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

Capacità distintiva del marchio: una lezione dal caso “Ilovepdf”

Ilovepdf è un'azienda tecnologica spagnola nata a Barcellona nel 2010 con l'obiettivo di offrire servizi online per la gestione e la modifica di fileLeggi tutto