etichette di origine le nuove regole della unione europea

Saranno in vigore dal 1 aprile 2019 le indicazioni contenute nel nuovo regolamento europeo. Le recenti norme relativo all’obbligo di indicare in etichetta l’origine di pasta, riso, latte e pomodoro e altro ancora saranno del tutto annullate.

La Commissione Europea ha pubblicato lo schema di regolamento di attuazione del Regolamento CE 1169/2011 sul “Food Information Regulation” che riguarda l’indicazione in etichetta dell’origine o provenienza dell’ingrediente primario.

Le recenti norme che hanno introdotto l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di prodotti come pasta, riso, latte, formaggi e pomodoro saranno spazzate vie dalla normativa europea che dovrebbe entrare in vigore dal 1 aprile 2019.

In particolare secondo il nuovo regolamento europeo NON sarà più obbligatorio indicare l’ingrediente primario nei seguenti casi:

  • Indicazioni di origine protette DOP o IGP o STG.
  • Marchi registrati che, a parole o con segni grafici (es. bandiera grafica o marchio “Bellaitalia”) – indicano già di per sé la provenienza del prodotto.

Pertanto la semplice registrazione di un marchio consentirà di non comunicare la diversa origine della materia prima prevalente, legittimando ogni attuale o futura iniziativa di “italian sounding” a danno dei consumatori.

Clizia Cacciamani

Data

11/04/2018

Categoria

notizia
Foto ultime news
0000-00-00

Nestlé e Impossible Foods raggiungono un accordo nella disputa suiLeggi tutto

In un mondo dove i sapori, gli aromi e le tradizioni culinarie si incontrano con la tecnologia e l'innovazione, due titani dell'industria alimentareLeggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

Approvato il Disegno di Legge sul “Made in Italy”. Queste le novitàLeggi tutto

Il 27 dicembre è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il cosiddetto “DDL Made in Italy”, volto alla valorizzazione,Leggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

Registrare un pattern come marchio: la storia del fallimento di Prada

La nota casa di moda Prada S.A. aveva presentato nell’aprile del 2022 una richiesta di registrazione di marchio (domanda EU 18 683 223) pressoLeggi tutto