il tribunale unificato dei brevetti tub

Il Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB)

Il tribunale unificato dei brevetti è un organismo giudiziario europeo che ha lo scopo di risolvere le controversie in materia di brevetti in modo uniforme in tutta l'Unione europea. Il tribunale unificato dei brevetti sostituirà i tribunali nazionali esistenti e avrà il potere di adottare decisioni vincolanti in tutti i Paesi dell'Unione europea. Tuttavia, il tribunale unificato dei brevetti presenta anche alcune sfide e preoccupazioni, come la sua conformità alla legislazione dell'Unione europea in materia di giustizia e il suo potenziale impatto sulle imprese e sulle industrie europee.
 

Introduzione

Il tribunale unificato dei brevetti, abbreviato in TUB, è un organismo giudiziario europeo che ha lo scopo di risolvere le controversie in materia di brevetti in modo uniforme in tutta l'Unione europea. Il TUB sostituirà i tribunali nazionali esistenti e avrà il potere di adottare decisioni vincolanti in tutti i Paesi dell'Unione europea.
 

Storia del Tribunale Unificato dei Brevetti:

  • 2003: viene presentata la proposta di creare un brevetto unitario europeo, che permetta di ottenere una protezione brevettuale uniforme in tutti i Paesi dell'Unione Europea.
     
  • 2013: viene raggiunto l'accordo sul regolamento del Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB), che prevede la creazione di un tribunale unico per i brevetti in Europa. Il TUB avrebbe giurisdizione sulle controversie relative ai brevetti europei e al nuovo brevetto unitario.
     
  • 2016: l'Italia si unisce all'accordo sul TUB che, nel frattempo, ha ottenuto l'adesione di 25 Paesi europei.
     
  • 2017: la Corte costituzionale tedesca respinge il ricorso presentato contro la ratifica dell'accordo sul TUB, aprendo la strada alla sua entrata in vigore.
     
  • 2018: la Brexit crea incertezza sul futuro del TUB, dato che il Regno Unito era uno dei principali sostenitori dell'accordo. Viene annunciato che il TUB dovrebbe comunque essere avviato nonostante la Brexit.
     
  • 2020: la Germania annuncia che non parteciperà al TUB a causa di problemi giuridici interni. Ciò solleva ulteriori preoccupazioni sull'effettiva attuazione del TUB.
     
  • 2021: viene raggiunto un accordo tra 23 Paesi dell'Unione Europea per rendere operativo il TUB nel corso dell'anno. Si prevede che il TUB sia operativo a partire dal 2022.
     
  • 2022: la data di inizio delle operazioni del TUB viene rimandata al 2023 a causa della pandemia di COVID-19.
     
  • 2023: il Tribunale Unificato dei Brevetti diventa operativo, sebbene inizialmente solo nei 17 Paesi dell'Unione Europea che hanno ratificato l’Accordo TUB.
     

Cos’è il Tribunale Unificato dei Brevetti:

Il Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB) è un organo giurisdizionale europeo creato per garantire l'unitarietà della giurisprudenza in materia di brevetti e semplificare la risoluzione delle controversie inerenti ai brevetti a livello europeo. In particolare, il TUB è stato istituito per risolvere le dispute relative ai brevetti europei e ai brevetti unitari, ovvero un nuovo tipo di brevetto che potrà essere concesso con l'entrata in vigore del sistema del brevetto unitario europeo.

Il TUB avrà sede a Parigi e sarà composto da un tribunale di primo grado e da una Corte di Appello. Il tribunale di primo grado sarà diviso in tre sezioni specializzate in materia di brevetti: una sezione a Monaco di Baviera, una a Parigi e una a Milano.

Il TUB sarà competente per le controversie relative alla validità dei brevetti europei e dei brevetti unitari, nonché per le cause di violazione dei diritti di proprietà intellettuale sui brevetti in questione. Inoltre, il TUB sarà l'unico tribunale competente a livello europeo per le cause transfrontaliere in materia di brevetti, il che dovrebbe garantire una maggiore coerenza e prevedibilità della giurisprudenza a livello europeo.
 

Struttura del Tribunale Unificato dei Brevetti:

Il tribunale unificato dei brevetti sarà composto da un tribunale di primo grado e da una Corte d'appello. Il tribunale di primo grado sarà diviso in una sezione di giudici tecnici e in una sezione di giudici legali. La sezione di giudici tecnici sarà composta da giudici esperti in materia di brevetti, mentre la sezione di giudici legali sarà composta da giudici esperti in diritto. La Corte d'appello sarà composta da giudici legali e tecnici. Il tribunale unificato dei brevetti avrà anche un'unità di coordinamento amministrativo per la gestione delle questioni amministrative.
 

Competenze del Tribunale Unificato dei Brevetti:

Il tribunale unificato dei brevetti avrà il potere di adottare decisioni vincolanti in tutti i Paesi dell'Unione europea in materia di brevetti. Il tribunale unificato dei brevetti sarà competente per le controversie relative ai brevetti europei e ai brevetti unitari europei. Il tribunale unificato dei brevetti sostituirà i tribunali nazionali esistenti, che non saranno più competenti per le controversie in materia di brevetti europei e unitari. Ciò significa che le decisioni del tribunale unificato dei brevetti avranno effetto in tutti i Paesi dell'Unione europea, senza la necessità di ulteriori procedure giudiziarie nazionali.

Il tribunale unificato dei brevetti avrà anche il potere di adottare decisioni preliminari e di emettere ordini provvisori in materia di brevetti. Ciò significa che sarà in grado di prendere rapidamente decisioni sulle controversie in materia di brevetti e di emettere ordini che proteggano i diritti dei legittimi titolari.
 

Quando entrerà in vigore il Tribunale Unificato dei Brevetti:

Il Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB) sarà attivo dal il 1° giugno 2023.
 

Preoccupazioni e critiche sul Tribunale Unificato dei Brevetti:

Nonostante le potenzialità del tribunale unificato dei brevetti, ci sono alcune preoccupazioni e critiche che devono essere affrontate. Una delle principali preoccupazioni riguarda l’impatto sulle imprese e sulle industrie europee, in particolare su quelle che dipendono dalla protezione dei brevetti. Ad esempio, alcune industrie potrebbero preferire la protezione dei brevetti in Paesi specifici dell'Unione europea e non desiderare che il tribunale unificato dei brevetti abbia il potere di emettere decisioni vincolanti in tutti i Paesi dell'Unione europea.

Inoltre, il tribunale unificato dei brevetti potrebbe essere costoso per le imprese, in particolare per le PMI, che potrebbero non avere le risorse per difendere i propri diritti di brevetto di fronte al tribunale unificato dei brevetti.
 

Cosa deve fare chi possiede già dei brevetti europei?

Con l'entrata in vigore del Tribunale Unificato del Brevetto (TUB), i procedimenti relativi ad atti di contraffazione o valutazione della validità dei brevetti europei pendenti e già concessi verranno automaticamente gestiti dal nuovo Tribunale. Tuttavia, il titolare del brevetto può scegliere di escludersi dalla giurisdizione del TUB attraverso la clausola opt-out. In tal caso, il soggetto interessato può decidere se aderire o meno alle disposizioni dell'Unione europea e lasciare la decisione della controversia al tribunale nazionale. Questo per evitare il rischio di una "revoca centralizzata" del brevetto approvato nei Paesi membri del TUB.

Il titolare di un brevetto europeo già concesso o di una domanda di brevetto europeo pendente deve valutare se far gestire il contenzioso davanti al Tribunale nazionale di riferimento o al TUB. Ciò dipenderà da vari fattori, come la tecnologia utilizzata nel brevetto, il territorio di protezione e la presenza di contenziosi con eventuali concorrenti. Inoltre, il titolare del brevetto deve adottare le opportune strategie in relazione alle domande di brevetto europeo e riconoscere i brevetti dei concorrenti che potrebbero essere bloccati tramite una procedura centralizzata tipica del brevetto unitario valida per tutti i Paesi aderenti.

Il titolare del titolo europeo deve quindi valutare attentamente i criteri che determinano la scelta di fare gestire il contenzioso davanti al Tribunale nazionale di riferimento o davanti al TUB.
 

Conclusioni:

In conclusione, il tribunale unificato dei brevetti è un organismo giudiziario europeo che avrà il potere di risolvere le controversie in materia di brevetti in modo uniforme in tutta l'Unione europea. Il tribunale unificato dei brevetti sostituirà i tribunali nazionali esistenti e avrà il potere di adottare decisioni vincolanti in tutti i Paesi dell'Unione europea.

Il tribunale unificato dei brevetti dovrebbe aumentare l'efficienza e ridurre i costi per le imprese che desiderano proteggere i loro diritti di brevetto in tutta l'Unione europea. Inoltre, dovrebbe fornire una maggiore certezza giuridica per le imprese che operano nell'Unione europea.

Tuttavia, è importante che il TUB sia gestito in modo corretto e trasparente, al fine di garantire che rispetti la legislazione dell'Unione europea in materia di giustizia e non abbia un impatto negativo sulle imprese e sulle industrie europee. Inoltre, è importante che le PMI e le altre imprese che potrebbero non avere le risorse finanziarie per difendere i propri diritti di brevetto, abbiano accesso a mezzi adeguati per farlo.

Il tribunale unificato dei brevetti rappresenta una pietra miliare per l'Unione europea nel suo impegno per la creazione di un sistema di brevetti uniforme e coerente a livello europeo. Sarà interessante vedere come il TUB si evolverà e come funzionerà nella pratica.
 

Per maggiori informazioni:

Ufficio europeo dei brevetti
https://www.epo.org/law-practice/unitary/unitary-patent.html
 

Leggi anche:

 

Tabella riassuntiva sul Brevetto Unitario Europeo e sul Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB)

  Brevetto Unitario Europeo Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB)
Definizione Un brevetto rilasciato da un'unica autorità per la protezione dell'invenzione in tutti i paesi dell'UE che partecipano al sistema Un tribunale specializzato nell'affrontare le controversie sui brevetti che ha giurisdizione sui paesi dell'UE che partecipano al sistema
Paesi partecipanti Attualmente 25 stati membri dell'UE, ma partirà inizialmente solo con i 17 paesi che hanno ratificato l’accordo sul TUB Attualmente 25 stati membri dell'UE, ma partirà inizialmente solo con i 17 paesi che hanno ratificato l’accordo sul TUB
Costi Maggiori risparmi rispetto alla convalida dei brevetti nazionali in ogni paese dell'UE Costi relativamente elevati, ma minori rispetto alle spese legali per litigare in diversi paesi dell'UE
Durata 20 anni a partire dalla data di deposito della domanda N/A (si occupa solo di controversie sui brevetti)
Vantaggi Maggiore protezione per l'invenzione in tutti i paesi dell'UE partecipanti a un costo inferiore Un sistema giuridico unificato che facilita la risoluzione delle controversie sui brevetti in diversi paesi dell'UE
Svantaggi Alcuni paesi dell'UE non partecipano al sistema, il che significa che è ancora necessario registrare i brevetti nazionali in quei paesi N/A (si occupa solo di controversie sui brevetti)

 

 

N.B.: questo articolo è aggiornato alla data di pubblicazione e non riflette necessariamente lo stato attuale della legge o della normativa in materia.

Data

0000-00-00

Categoria

notizia
Foto ultime news
0000-00-00

Registrare un pattern come marchio: la storia del fallimento di Prada

La nota casa di moda Prada S.A. aveva presentato nell’aprile del 2022 una richiesta di registrazione di marchio (domanda EU 18 683 223) pressoLeggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

New York City Ballet Inc. contro l’Ufficio dell'Unione Europea per laLeggi tutto

Il New York City Ballet (NYCB) non è solo un nome, ma un pilastro di eccellenza nell'arte della danza con radici storiche sin dal 1948 ed èLeggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

Il marchio patronimico: come funziona e quali vantaggi offre la tutelaLeggi tutto

Il marchio patronimico consente di proteggere legalmente un nome che ha acquisito nel tempo una forte capacità distintiva, arrivando ad identificareLeggi tutto