scelta opt-in o opt-out per il tribunale unificato dei brevetti

Il Brevetto Unitario Europeo (EUP) e il Tribunale Unificato dei Brevetti (UPC) rappresentano due pietre miliari nel paesaggio della protezione dei brevetti in Europa. Il Brevetto Unitario Europeo consente ai detentori di brevetti di proteggere le loro invenzioni in tutti i paesi membri con un unico brevetto, semplificando notevolmente il processo di convalida su larga scala.

Il Tribunale Unificato dei Brevetti è un organismo giudiziario che si occupa di controversie relative ai brevetti europei e ai brevetti unitari. L'UPC è stato istituito con l'intenzione di armonizzare l'interpretazione e l'applicazione delle leggi sui brevetti in tutta l'Unione Europea, evitando così la frammentazione delle decisioni giudiziarie tra i vari stati membri.

Con l'implementazione di questi due strumenti, i titolari di brevetti europei si trovano ora di fronte a una scelta fondamentale: accettare la giurisdizione dell'UPC (opt-in) o mantenere la giurisdizione delle corti nazionali (opt-out) per le controversie relative ai propri brevetti.
 

La scelta "Opt-In"

Optare per l'UPC, o "opt-in", significa accettare la giurisdizione dell'UPC per le controversie relative ai propri brevetti.

Vantaggi dell'Opt-In:

  • Un procedimento, 25 Paesi: il vantaggio più significativo dell'opt-in è l'opportunità di far valere i diritti di brevetto in tutti i 25 stati membri dell'UPC attraverso un unico procedimento. Questa possibilità può risparmiare notevoli risorse in termini di tempo e costi legali.
     
  • Inibizione su tutta l'area: l'UPC ha la competenza per emettere provvedimenti inibitori con effetto in tutti i paesi partecipanti, garantendo così una protezione più ampia.
     

Svantaggi dell'Opt-In:

  • Rischio di invalidazione su ampia scala: se un brevetto è invalidato in un procedimento davanti all'UPC, questo avrà effetto in tutti i 25 stati membri e potrebbe portare a perdite significative se si possiedono brevetti ad alto valore.
     

La scelta "Opt-Out"

Optare per l'opt-out significa mantenere la giurisdizione delle corti nazionali sulle controversie relative ai propri brevetti.

Vantaggi dell'Opt-Out:

  • Minimizzazione del rischio: optare per l'opt-out può limitare il rischio di invalidazione su larga scala del proprio brevetto. Se si teme che un brevetto possa essere contestato, mantenere la giurisdizione nazionale potrebbe essere la scelta più sicura.
     
  • Agire in base al contesto nazionale: l'opt-out potrebbe essere una scelta migliore se si prevede di agire principalmente in un solo paese o in un numero limitato di paesi.
     

Svantaggi dell'Opt-Out:

  • Manca l'efficacia transnazionale: optando per l'opt-out, si perde l'opportunità di beneficiare dell'efficacia transnazionale delle decisioni dell'UPC.
     

Dettagli procedurali e costi associati

Per scegliere l'opt-out, è necessario presentare una domanda all'UPC prima che questi diventi operativo. Ciò può essere fatto attraverso l'Ufficio europeo dei brevetti (EPO) utilizzando il sistema online dell'UPC. Allo stesso modo, se si desidera cambiare la scelta durante il periodo transitorio, sarà necessario presentare una domanda all'UPC.

È importante notare che la scelta di opt-in o opt-out non ha costi diretti. Tuttavia, ci possono essere costi associati alla gestione delle controversie in base alla giurisdizione scelta. Ad esempio, i costi legali potrebbero essere diversi se si sta litigando in una corte nazionale rispetto all'UPC.

 

Implicazioni per i futuri brevetti e per le domande di brevetto in sospeso

La scelta di opt-in o opt-out non si applica solo ai brevetti esistenti al momento dell'entrata in vigore dell'UPC, ma anche a quelli concessi durante il periodo transitorio. Di conseguenza, se si ha una domanda di brevetto in sospeso, sarà importante considerare come la scelta di opt-in o opt-out potrebbe influenzare la protezione di quel brevetto una volta concesso.
 

Scadenze e conseguenze della mancanza di scelta

La domanda di opt-out deve essere presentata prima che l'UPC diventi operativo. Esiste un periodo transitorio di 7 anni in cui i detentori di brevetti possono cambiare la loro scelta. In assenza di una scelta esplicita, i brevetti rientrano automaticamente sotto la giurisdizione dell'UPC (opt-in).
 

Conclusione

La scelta tra l'opzione opt-in e opt-out non è semplice e dipende da vari fattori, tra cui il valore del brevetto, la potenziale esposizione al rischio e la strategia globale di protezione del brevetto. Prima di prendere una decisione è importante valutare attentamente le implicazioni legali e strategiche di ciascuna opzione.

Nel caso in cui si decida di non fare una scelta esplicita, è importante ricordare che i brevetti rientreranno automaticamente sotto la giurisdizione dell'UPC. Pertanto, se si desidera mantenere la giurisdizione nazionale, è necessario agire in anticipo e optare per l'opt-out prima che l'UPC diventi operativo.

Infine, è importante ricordare che le decisioni di oggi potranno avere un impatto significativo sulla protezione dei brevetti in futuro.
 

Leggi anche:


Tabella riassuntiva

  Opt-In Opt-Out
Vantaggi Un solo procedimento per tutti i 25 stati membri. Possibilità di un'inibitoria con efficacia in tutti i paesi partecipanti Limita il rischio di invalidazione del brevetto in tutti gli stati membri. Utile se si prevede di agire principalmente in determinati paesi
Svantaggi Rischio di invalidazione del brevetto in tutti i 25 stati membri Non si può approfittare dell'efficacia transnazionale delle decisioni dell'UPC
Scadenza -- Prima dell'entrata in vigore dell'UPC
Mancanza di scelta Il brevetto rientra sotto la giurisdizione dell'UPC --



N.B.: questo articolo è aggiornato alla data di pubblicazione e non riflette necessariamente lo stato attuale della legge o della normativa in materia.

 

Data

0000-00-00

Categoria

notizia
Foto ultime news
0000-00-00

Registrare un pattern come marchio: la storia del fallimento di Prada

La nota casa di moda Prada S.A. aveva presentato nell’aprile del 2022 una richiesta di registrazione di marchio (domanda EU 18 683 223) pressoLeggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

New York City Ballet Inc. contro l’Ufficio dell'Unione Europea per laLeggi tutto

Il New York City Ballet (NYCB) non è solo un nome, ma un pilastro di eccellenza nell'arte della danza con radici storiche sin dal 1948 ed èLeggi tutto

Foto ultime news
0000-00-00

Il marchio patronimico: come funziona e quali vantaggi offre la tutelaLeggi tutto

Il marchio patronimico consente di proteggere legalmente un nome che ha acquisito nel tempo una forte capacità distintiva, arrivando ad identificareLeggi tutto